A volte la sordità può causare la depressione

Chi non utilizza apparecchi acustici pur avendone bisogno ha il 5%% in più di probabilità di soffrire di depressione rispetto a chi ne fa uso, e questo isolamento sociale dal mondo esterno potrebbe aumentare anche il rischio di demenza. Tuttavia la mancanza di udito spesso non viene curata perché non considerata come malattia. A dirlo, i risultati di uno studio condotto dal Consiglio nazionale sull’invecchiamento su 2.304 persone, all’American Psychological Association Convention 2015, che si tiene quest’anno a Toronto, Canada. Secondo il National Institute on Deafness e altri disturbi della comunicazione (National Institute on Deafness and Other Communication Disorders, NIDCD), circa il 15% degli americani adulti hanno qualche problema con di udito, con conseguenze molto pesanti sulla vita quotidiana. Ma la gente aspetta in media 6 anni dai primi segni di perdita dell’udito prima di prendere provvedimenti. Ben due over 70 su tre, infatti, non hanno mai usato un apparecchio acustico pur avendone bisogno, e solo il 16% degli adulti di età compresa tra 20-69 che ne avrebbe bisogno ha provato a utilizzarlo. Pesano, secondo lo studio, la negazione del problema e la mancanza di consapevolezza ma anche motivi estetici.

A rimetterci è l’umore e la mente. “La rabbia, la frustrazione, la depressione e l’ansia sono comuni tra le persone che si ritrovano con problemi di sordità”, riferisce David Myers, professore di psicologia presso Hope College in Michigan.

“Convincere la gente a usare apparecchi acustici può aiutare a riprendere il controllo della loro vita e raggiungere la stabilità emotiva e funzionamento cognitivo”.

FONTE: (ansa)

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

I cookie di preferenza consentono a un sito Web di ricordare le informazioni che modificano il modo in cui il sito web si comporta o sembra, come la tua lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

I cookie necessari aiutano a rendere un sito Web utilizzabile abilitando funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito web. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi