Alcune piante resistono agli incendi

Prendete un appezzamento di piante coltivate a scopo scientifico. Ora, immaginate un disastroso incendio, che ne distrugga una buona parte: è accaduto, nel 2012, a una distesa di alberi di Andilla, nella provincia spagnola di Valencia, dove si svolgeva una ricerca sulla resistenza di alcune specie vegetali a un fungo patogeno.

Ma in quello sfortunato episodio è accaduto un fatto a dir poco strano. Tra circa 20 mila ettari di piante carbonizzate, i ricercatori hanno trovato una macchia completamente verde: un gruppo di cipressi che si ergevano ancora vivi e risparmiati dalle fiamme. Come è stato possibile? Uno studio appena pubblicato sul Journal of Environmental Management fa luce sul mistero. 

RISPARMIATI. «Quando siamo arrivati sul posto abbiamo visto tutte le querce, i lecci, i pini e i ginepri completamente bruciati. Ma solo l’1,27% dei cipressi mediterranei era stato intaccato dal fuoco», racconta alla BBC Bernabé Moya, tra gli autori. La pianta in questione, della specieCupressus sempervirens var. horizontalis, è stata analizzata nel dettaglio dai ricercatori del Forest Fire Laboratory di INIA-CIFOR, in Spagna, e dall’Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante di Firenze.

ACQUA SUL FUOCO. I test di infiammabilità della pianta, compiuti non solo su campioni secchi – come si usava in passato – ma anche su rami vivi e completi di foglie, hanno rivelato che la pianta è particolarmente ricca d’acqua. La spessa cuticola (il tessuto idrofobico che ricopre rami e foglie) e la struttura interna delle foglie riducono al minimo la perdita di liquidi anche nelle situazioni di calore estremo. Il risultato? Questi cipressi impiegano fino a 7 volte di più a incendiarsi rispetto a pini, ginepri e querce.

ALTRE “ARMI”. I frammenti di foglie che si depositano al suolo, poi, trattengono l’acqua come una spugna: un’ulteriore barriera contro le fiamme. La forma affusolata e rada della chioma dell’albero fa sì che non si accumulino foglie morte tra le fronde, e aiuta a dissipare il calore. Infine, se nelle conifere la componente resinosa della pianta fa accelerare la combustione, in questi cipressi i componenti volatili infiammabili degassano poco a poco, rallentando di fatto l’incendio.

BARRIERE UNIVERSALI. La speranza dei botanici è di poter sfruttare le proprietà di queste piante per creare zone “cuscinetto”, in grado di rallentare e arginare gli incendi tipici delle aree mediterranee. Piantagioni sperimentali con questo scopo sono state allestite a Valencia e Siena, ma la grande adattabilità della pianta, capace di crescere in vari tipi di suolo e altitudini, permetterà forse di utilizzarla anche altre zone aride, come Cile, Argentina e California.

FONTE: (focus.it)

No Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.


I cookie statistici aiutano i proprietari di siti Web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e riportando informazioni in modo anonimo.

I cookie di preferenza consentono a un sito Web di ricordare le informazioni che modificano il modo in cui il sito web si comporta o sembra, come la tua lingua preferita o la regione in cui ti trovi.

I cookie necessari aiutano a rendere un sito Web utilizzabile abilitando funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito web. Il sito Web non può funzionare correttamente senza questi cookie.

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi